Articoli

Gli occhi… non mentono!

Questo mese è dedicato alla Dea Febris, protettrice della febbre “purificante”.

D’altronde se la fenice risorge dalle ceneri, anche il nostro corpo si rigenera attraverso l’aumento della temperatura, generando calore.

Quale mese migliore quindi, per concentrarci su noi stessi, sulla nostra salute e sulla prevenzione?

 

Nata molti anni fa e studiata per la prima volta sugli uccelli, l’iridologia è diventata nel tempo una scienza conosciuta in tutto il mondo e spesso abbinata alla prevenzione della salute con cure omeopatiche, alimentari o trattamenti di vario genere. Gli occhi sono di fatto un meraviglioso scrigno dove possiamo trovare molte informazioni sul benessere del nostro organismo.

 

 

Questa disciplina studia la parte colorata dei nostri occhi, la quale racconta, sotto forma di macchie, segni e colori, i momenti – consci e inconsci – più importanti della nostra vita. In modo “metabolico” è in grado di fornire informazioni preziose sullo stato di salute dei vari organi e sulla loro funzione relazionata con il resto del corpo.

Ognuno di noi possiede un’iride che mostra in maniera dettagliata pezzi della nostra vita. Come un libro aperto, a colori, fornisce indicazioni sui nostri “punti deboli” in modo da poter agire in via preventiva ed evitare la malattia.

D’altronde cos’è la malattia?

Possiamo definirla come la presenza di cellule e organi che non svolgono più il loro lavoro nel modo corretto. In altre parole, la perdita dell’omeostasi, la perdita di un equilibrio!

Nello stesso soggetto, ogni iride ha un colore diverso perché, come gli organi nel corpo sono disposti un po’ a destra e un po’ a sinistra, anche i relativi segni li troveremo o nell’occhio destro o nell’occhio sinistro. Solo nel caso di organi impari, come il cuore, il fegato, la milza etc… potremmo ritrovare i segnali ricercati in entrambe le iridi.

Questa distribuzione crea quindi differenze inevitabili di colore tra i due occhi, rendendo la disciplina ancor più affascinante.

Ci sono, poi, alcune “tendenze” per le quali un occhio chiaro, detto linfatico sarà più soggetto ad alcune situazioni patologiche, come i raffreddori e i problemi alle vie aeree, rispetto ad un occhio scuro, definito ematogeno più incline a disturbi dell’apparato digerente.

 

Nel nostro lavoro, durante la Valutazione Visuo-Posturale, l’osservazione e la fotografia dell’iride è un momento fondamentale per conoscere lo stato di benessere attuale della persona, e ci aiuta ancor meglio a rendere l’esperienza visiva unica e personalizzata. In pochi secondi siamo in grado di renderci conto di quanto Equilibrio e di quanta Energia possiede il soggetto per gestire al meglio il cambio di una gradazione delle lenti, ad esempio.

Va’ da sé che se il soggetto sta attraversando un momento particolarmente intenso e faticoso a casa, a lavoro, di salute (come cure dentali, interventi, dolori vari) l’accettazione di qualcosa “di nuovo” – come un occhiale- può risultare difficile.

Come fare per rendere quindi tutto più facile? Più semplice? Più in equilibrio?

Grazie alle diverse informazioni dell’iride e della valutazione visiva possiamo ricercare la nostra omeostasi attraverso i trattamenti Kinesiologici: una particolare forma di trattamenti non invasivi basati sulla medicina tradizionale cinese, che sfrutta il test muscolare per “comunicare” con il corpo e trovare il modo più adatto a riportare in equilibrio tutto ciò che non lo è più (ossa, muscoli, organi, ormoni, emozioni e tanto altro).

Ogni giorno siamo esposti a diversi fattori che possono minare il nostro equilibrio fisico e psichico, dal clima al cibo, da un infortunio a una brutta telefonata… il trattamento dona al copro le energie necessarie per essere in grado di affrontare e gestire qualsiasi cosa accada nel nostro quotidiano.

In questo modo, giorno dopo giorno, si previene la stanchezza, la debolezza ed infine… la malattia. Un lavoro sartoriale sulle esigenze di ORA del soggetto che desidera stare bene, in primis con se stesso, e di riflesso con tutte le persone che lo circondano.

Gli occhi non mentono!

Ecco perché partendo da loro, siamo in grado di occuparci di molto altro e dare risposte a sintomi che possono accompagnare la persona da tanto tempo.

Decidi di stare bene ADESSO e contattaci per una consulenza.